La chiamano sindrome dell’impostore e internet è piena di ottimi consigli per superarla. Da persona che si sente costantemente una imbrogliona, voglio condividere con te l’unica cosa che mi è servita a non sentirmi una bugiarda patologica.
L'unico modo per non sentirti un impostore è essere un impostore Condividi il Tweet

L’unico modo per non sentirti un imbroglione è quello di esserlo, è molto più semplice di quello che può sembrare e ricorrerò ad un esempio per spiegarti il tutto.

Un mio cliente mi ha chiesto di preparare una ricerca di mercato: le ho viste fare, le ho lette, ma non le ho mai fatte. Poichè le bollette non si pagano da sole ho detto “sì certamente” e poi mi ha assalito il panico. Ho iniziato a cercare siti che mi spiegassero cosa fare, magari con esempi, e ho iniziato a cercare informazioni sul mercato di riferimento. COntinuando a non sapere cosa fare, ho fatto l’unica cosa possibile: ho preso un lavoro fatto da qualcuno molto più bravo di me e l’ho riempito con i miei dati (ho cambiato anche qualche parola). Ho portato a termine la mia ricerca di mercato, ho imparato a farla da autodidatta e, continuando a farne, aggiungerò sempre più tocchi personali fino ad arrivare a un prodotto originale.

Non sapevo come fare qualcosa e ho copiato il lavoro di un esperto. Non ho violato nessuna legge o nessuna etica (questo è importante), ho imparato a fare una cosa e la prossima volta la farò meglio.

Lo stesso principio vale per gli scrittori alle prime armi, chi si appresta a guidare un team per la prima volta, chi parla in pubblico per la prima volta.

Non si nasce imparati. Imparare da chi è venuto prima di noi è giusto, non avere un proprio stile all’inizio di una nuova attività è normale: tutti abbiamo bisogno di un punto di partenza, e copiare legalmente qualcuno ( il suo modo di vestire, il suo modo di scrivere, ecc…)  è un inizio.

Quando ti sei sentito un impostore? Questo ti paralizzato o sei riuscito a terminare il tuo progetto? Raccontacelo nei commenti.

Image by HubertPhotographer from Pixabay


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *